Un refugium del XXI Secolo in Val di Non

Zum Hirschen di Senale-San Felice (BZ): la qualità dell’essenziale per cercare se stessi sulla Via Vigilius, sul Cammino Jacopeo d’Anaunia e su quello di San Romedio.
Hotel Zum Hirscher - Lago di Tret - Credit Bruno Battocletti (2)

Tra le definizioni che Mirko Mocatti usa per descrivere lo Zum Hirschen – il luogo a Senale-San Felice (BZ) in Alta Val di Non, quella più ricorrente è proprio “luogo di ritiro fisico e spirituale”. L’antico ospizio per pellegrini oggi è un avamposto della slow-sophia in cui il contemporaneo design minimalista ha saputo valorizzare e rispettare il senso di una vacanza consapevole all’insegna della sottrazione, in cui ogni viaggiatore è una persona che nell’esperienza e nell’ospitalità radicata con il territorio cerca una risposta in grado di dare un senso alla quotidianità, per vivere situazioni che arricchiscono il proprio bagaglio culturale e migliorano la vita di tutti i giorni.

Progettate su linee semplici, con un arredamento minimalista e dalle tonalità calde, le camere Hospitium, in particolare, ricordano e rivisitano col design d’alto profilo il ruolo di ostello per viandanti in cerca di se stessi e della profondità interiore. È una stanza che invita alla contemplazione e al ricongiungimento con l’ambiente circostante, ideale per chi cerca la pace e il relax.

Tutto contribuisce a rendere lo Zum Hirschen la sistemazione ideale per quanti scelgono il Trentino Alto Adige come area in cui concentrarsi e concentrare la vacanza sul Cammino Jacopeo d’Anaunia, sulla Via Vigilius o sul Cammino di San Romedio, immaginati come vie privilegiate per un ricongiungimento con la vera essenza dell’esistenza, in un rapporto esclusivo con la natura che sembra sfilare in tutta la propria potenza, passo dopo passo.

Sintesi dei centri spirituali della Val di Non, il Cammino Jacopeo d’Anaunia è proposto in due versioni, percorribili su 3 o 7 tappe, in 3 o 7 giorni. Su strade di campagna che si insinuano tra boschi, meleti e borghi contadini, l’itinerario richiama l’antico nome della Val di Non e rievoca il culto devozionale verso San Giacomo, che nel Medioevo offrì a molti abitanti lo spunto per avventurarsi alla volta di Santiago de Compostela.

Nata sulla traccia del tragitto intrapreso da San Viglilio nel IV secolo, la Via Vigilius parte dal monte San Vigilio a Lana e, attraverso l’Alta Val di Non, dove si colloca lo Zum Hirschen, si spinge fino a Trento, dove i pellegrini del nuovo millennio trovano due ferrovie rétro e una funivia nostalgica: un moderno viaggio nel tempo di 109,2 km che fende tutta la Val di Non.

Infine, sulle orme del santo che gli presta il nome – partito da Thaur in Tirolo e fermatosi nel luogo in seguito dedicatogli proprio in Val di Non – il Cammino di San Romedio si estende per 180 chilometri, con altitudini complessive di 9.600 metri, e può essere affrontato in 12 tappe giornaliere, concedendo agli escursionisti soste e momenti di raccoglimento e pace.

 

Link DropBox cartella immagini: http://bit.ly/ZumHirschen

 

Per informazioni: Hotel Zum Hirschen

Via Malgasott 2 . I-39010 Senale – San Felice (BZ)

Tel  +39 0463 886 105.

Email: info@zumhirschen.com

Sito web: www.zumhirschen.com

Ufficio stampa -> http://www.elladigital.it