Il bagno nella foresta

La pratica giapponese del Forest Bathing fa bene alla salute fisica e mentale. Ecco i luoghi più immersivi d’Italia in cui respirare l’atmosfera dei boschi e sentirsi più vivi.
Excelsior Resort - Tamara e Werner Call

È una sensazione rigenerante, che ti fa sentire bene. Immergersi in un bosco e viverne colori, odori, sensazioni, suoni, è un beneficio per la mente e il corpo. In Giappone “farsi un bagno nel verde” è una vera e propria pratica di benessere con percorsi dedicati, che dal paese del Sol Levante si sta diffondendo in diverse zone del mondo. Il Forest Bathing, che in giapponese si dice Shinrin-Yoku, cioè “trarre giovamento dall’atmosfera dei boschi”, piace infatti sempre di più. E studi scientifici hanno dimostrato che camminare nel bosco – soprattutto allontanandosi da computer, smartphone e schermi tecnologici – allevia lo stress, protegge il sistema immunitario, migliora la creatività e il sistema cardiovascolare. In sintesi, fa sentire più vivi. Alcuni studiosi ritengono che i benefici derivino dal respirare le sostanze rilasciate dalle piante per proteggersi dagli insetti, altri dagli effetti positivi che il contatto con la natura ha sull’umore e sulla mente e di conseguenza sulla salute. Dove praticare il Forest Bathing in Italia? Ci sono luoghi meravigliosi per farlo.

Un bagno tra fragranze di pini silvestri, in Valle Isarco

Le fragranze dei pini silvestri che abbracciano il laghetto naturale di Flötscher Weiher, gli aironi che si posano sull’acqua, un ritiro nella natura lontano dal turismo di massa, dove vivere l’anima più autentica della Valle Isarco. È circondato dal bosco il Seehof Nature retreat ****s di Naz (BZ), vicino Bressanone, e gli elementi naturali si ritrovano anche all’interno di questo 4 stelle superior esclusivo che dialoga con l’ambiente in cui è immerso. La colazione si può fare all’aperto sul pontile in riva al laghetto e da qui si apre l’accesso diretto alla Spa PrimaVera, con piscina infinity riscaldata esterna, sauna finlandese e biosauna panoramiche, e bagno turco. Prezzi a partire da 110 euro a persona al giorno da 4 a 7 notti, da 7 notti in poi a partire da 100 euro. (Tel. 0472 412120, www.seehof.it)

 

Tra le baite di legno della Valle dei Mulini (TN)

Una valle ornata di boschi e immersa tra il Lago di Garda e le Dolomiti del Brenta, in cui chalets di legno d’abete e di larice compongono un paesaggio fiabesco. Sono la reinterpretazione dei vecchi masi di montagna e rispecchiano l’essenza della Valle di Ledro, in Trentino, dove la natura è custodita come il bene più prezioso. Ledro Mountain Chalets è questo, un luogo in cui l’ambiente naturale si vive dentro e fuori, tra i caldi interni interamente fatti di legno e lo spettacolo degli alberi, delle cime verdeggianti che si aprono allo sguardo intorno. Una dimensione ancestrale, che richiama il tempo in cui lungo il ruscello che si ricollega al Lago di Ledro sorgevano tanti fienili dotati di mulini a ruota, che lavoravano il grano per produrre farina. Non a caso, la splendida radura in cui si trovano i Ledro Mountain Chalets è chiamata la Valle dei Mulini, nella frazione di Bezzecca (TN), e ne lascia scoprire ai viaggiatori ancora alcuni in buono stato. Gli chalets sono originali casette ecosostenibili, dotate anche di Tesla Wall Connector, per ricaricare gratuitamente le auto elettriche, pensate per limitare l’impatto ambientale e per accogliere i visitatori con l’ospitalità e lo stile delle vere baite di montagna. Per tutti gli ospiti degli chalets piscina riscaldata all’aperto nel giardino, e sauna igloo, caldo luogo di wellness completamente in legno ai bordi del bosco. La Valle di Ledro è ogni giorno una continua scoperta. Oltre 200 km di sentieri si addentrano nelle foreste e tra le vette che sfoggiano una varietà sorprendente di fiori, piante, animali selvaggi, punti panoramici da ammirare in silenzio, a piedi o in mountain bike. Discese mozzafiato scendono dal Monte Tremalzo da cui godersi la vista sul Lago di Garda, invece il sentiero panoramico del Ponale che sale da Riva del Garda fino al Lago di Ledro offre paesaggi disarmanti. Il Lago di Ledro è balneabile e si trova al centro di percorsi escursionistici. Il soggiorno è a partire da 65 euro a persona negli chalet e 35 euro nella guest house. (Tel. 340 6569683 / 348 1460963, www.ledromountainchalets.it)

 

Ufficio stampa -> http://www.elladigital.it

Nei Boschi di Carrega, regno di castagni, querce e scoiattoli (PR)

I profumi degli alberi di castagno, dei faggi e delle querce si lasciano respirare nel Parco Regionale dei Boschi di Carrega, lungo i sentieri in cui anche la duchessa di Parma Maria Luigia amava passeggiare. Un’immersione tra 1100 ettari di rigogliosa vegetazione, in cui andare alla scoperta di scoiattoli e caprioli, a soli 15 km dalla città. In totale sintonia con l’ambiente naturale l’eco B&B Il Richiamo del Bosco (PR) si apre con le sue ampie vetrate al mondo verde che lo circonda. Due amache sotto il grande portico, le biciclette per fare escursioni nella natura, un dojo per rilassarsi o fare esercizi e la colazione biologica, rendono ancora più rigenerante il Forest Bathing. Prezzo di 80 euro a notte per la camera matrimoniale, compresi la colazione e l’aperitivo di benvenuto. (Tel. 0521 336376 335 8388895, www.ilrichiamodelbosco.it)

Nella natura millenaria della tenuta del Castello, in Umbria

Respirare la storia, che qui racconta di gesta millenarie, vicende medievali e della nascita di Federico da Montefeltro, ed inebriarsi di natura avvolti dagli alberi e dai paesaggi verdi umbri della tenuta del Castello di Petroia (PG). Si erge su una collina boscosa sull’antica strada che collega Gubbio con Perugia e lascia esplorare circa 20 km di sentieri, tutti collegati tra loro, tra querce, cerri secolari, piante di pini e salici, una foresta di 12 ettari dove regna la biodiversità. Campi di ulivi si avvicinano al maniero e circondano la piscina, per un Forest Bathing ancora più esclusivo. Prezzi a partire da 120 euro a camera con prima colazione. (Tel. 075 920287, www.petroia.it).

 

Nelle foreste che abbracciano i laghi della Val Pusteria

Camminare lungo i sentieri alpini della Val Pusteria è come fare un “bagno” nella meraviglia. Le cime dolomitiche, boschi fiabeschi, praterie ad alta quota, malghe e rifugi da scoprire offrono una miriade di itinerari per praticare il Forest Bathing ogni giorno in modo diverso. Il comprensorio Gitschberg Jochtal noto come “Almenregion”, area delle malghe, è ad un passo da Valles (BZ), dove l’Hotel & Spa Falkensteinerhof è al centro di percorsi da trekking e cammini tra le cime costellate di alpeggi. Da qui parte anche il sentiero per la Malga Fane, caratteristico villaggio a 1.739 metri di altitudine, da cui proseguire fino al Lago Selvaggio, il più profondo dell’Alto Adige ad oltre 2.500 metri. Con la proposta “Escursioni e Benessere 4 = 3”, valida fino al 30 novembre 2018, 4 notti al prezzo di 3, 1 spuntino gustoso sulla malga Fane, 1 massaggio parziale a persona (20 minuti), a partire da 162 euro a camera a notte. Offerta valida per arrivi da domenica a giovedì oppure da lunedì a venerdì, minimo 4 notti. (Tel. 0472 547165, www.falkensteiner.com/it/hotel/falkensteinerhof). Fuori dalle solite rotte e circondato da boschi eleganti, il Falkensteiner Hotel & Spa Alpenresidenz Anterselva a 1.600 metri è il punto di partenza per escursioni tra laghi, cime dolomitiche e parchi naturali. Camminando dall’hotel si raggiunge il Lago di Anterselva, il terzo più grande dell’Alto Adige, nelle cui acque cristalline si specchiano vette ed imperiosi alberi, e si apre la rigogliosa vegetazione del parco naturale di Vedrette di Ries-Aurina. Con l’offerta “Pausa attiva” di 3 notti fino al 3 novembre 2018, è incluso uno zaino da montagna Salewa a camera e un pranzo al sacco a persona con le prelibatezze regionali, per godersi un pic nic tra i boschi.  Dal 1° giugno al 31 agosto sono comprese anche 3 escursioni guidate a settimana, un tour in bicicletta e un buono benessere di 25 euro a persona. Il prezzo è da 148 euro a camera a notte. (Tel. 0474 49 45 20, https://www.falkensteiner.com/it/hotel/antholz)

Tra gli abeti rossi e bianchi del Parco Nazionale dello Stelvio, in Trentino

I colori del Parco Nazionale dello Stelvio, in Val di Sole, con i suoi larici e alberi di pino cembro dalle punte aguzze, abeti rossi ed esemplari di abeti bianchi, sono armonia per gli occhi, gli odori dei boschi balsamo per la mente, i suoni musica per l’anima. È abitato da cervi e da una popolosa fauna alpina, da scoprire a partire dal Kristiania Leading Nature & Wellness Resort di Cogolo di Pejo (TN), in Trentino, avvolto dalle forme degli alberi della terra dei laghi. L’albergo, che fa dell’ecologia una delle sue virtù, porta le erbe e le essenze del Parco all’interno del centro benessere, per farne preziosi trattamenti. Il Forest Bathing qui è dentro e fuori. Prezzi a partire da 80 euro al giorno a persona in mezza pensione (Tel. 0463754157, www.hotelkristiania.it).

 

 

Immersioni tra foreste e paesaggi dolomitici

Le meraviglie del Parco Naturale Fanes – Sennes – Braies, passeggiando tra alberi di pino mugo, abete rosso, larice ed un ricco sottobosco di mirtilli e rododendri. È intorno all’Excelsior Dolomites life resort****S di San Vigilio di Marebbe (BZ), nel cuore delle Dolomiti, in cui praticare Forest Bathing attraversando scenari sempre diversi, tra cime, laghi, cascate e paesaggi estasianti. Le essenze della natura d’alta quota si ritrovano anche nel Castello di Dolasilla, il centro benessere a 5 piani, per poi continuare il “bagno nel verde” nella vasca idromassaggio panoramica sotto il cielo d’estate. Prezzi a partire da 117 euro per persona con trattamento di pensione ¾ in camera doppia Fanes (Tel. 0474 501036, www.myexcelsior.com).

 

Link Dropbox cartella immagini: http://bit.ly/forestbathing18

 

Ufficio stampa -> http://www.elladigital.it